close

Ma la salute si tutela con la forza della cultura

6 novembre 2013

Se partiamo dal presupposto – vero – che tutto influisce sulla nostra salute, capiamo quanto questo bene sia, contrariamente a quello che molti credono, tutt’altro che scontato. Inquinamento industriale, smog, discariche incontrollate di veleni, radiazioni elettromagnetiche da cellulari o reti wireless, cibi contaminati o comunque malsani, stress, sedentarietà e cattive abitudini di ogni genere.

Tutti questi elementi, insieme a molti altri, sommati insieme influiscono sulla nostra vita in modi dei quali spesso ci accorgiamo quando il danno è fatto. E troppo spesso è irrecuperabile. A questo serve la
prevenzione, che non è solo mangiare sano, riscoprire la natura, fare sport e (possibilmente) non fumare ma è anche, su larga scala, battaglia contro ogni genere di inquinamento.

Una battaglia difficile contro una nemesi che pervade ogni recesso della società: il profitto ad ogni costo. Una battaglia che si combatte non solo nei “luoghi del potere” ma anche, e forse soprattutto, a cominciare dalle scuole. Con la forza della cultura. E dell’esempio.