close

Celebri ritratti

Celebri-ritratti-dai-teatri-e-dalla-tv-I-Love-Brindisi

Tra volti noti del palcoscenico e della televisione, celebri ritratti, nuovi “battesimi” e graditi ritorni, l’attenzione della città di Brindisi si focalizza sulla stagione 2015-16 del Nuovo Teatro Verdi, la nona consecutiva da quando il politeama ha riaperto i battenti. Anche stavolta la direzione artistica di Carmelo Grassi si rivela improntata al rispetto della varietà dei generi nel chiaro tentativo di sradicare dalla poltrona di casa anche il meno assiduo degli spettatori.

La formula è quella già sperimentata nelle precedenti stagioni: qualità dei testi in abbinamento a interpreti che possano rappresentare un’attrattiva forte per il pubblico. Motivo per cui sarà l’affascinante Sebastiano Somma ad aprire il sipario il 20 novembre con il classico della drammaturgia nordamericana “Uno sguardo dal ponte” di Arthur Miller. Tra le altre cose, l’attore di Castellammare di Stabbia ha un passato legato alla nostra terra, avendo interpretato la figura di Federico II nel Torneo dei Rioni di Oria.

Se parliamo di nuovi volti televisivi non si può non pensare al bravo Michele Riondino, “Il giovane Montalbano” per intenderci. L’attore, che è anche direttore artistico del concerto del Primo Maggio di Taranto (sua città natale), porterà in scena un mito dell’antichità classica come “Euridice ed Orfeo” insieme alla collega Federica Fracassi (5 febbraio 2016).

Sabrina Ferilli e Maurizio Micheli, non certo due sconosciuti, saranno i protagonisti della commedia “Signori… le paté de la maison!”, versione italiana della pièce francese di successo “Le Prénom” (16 febbraio).

Tra i graditi ritorni sul palco del Verdi, soprattutto nel rispetto dei gusti femminili, ci sono Alessandro Preziosi e Alessio Boni, rispettivamente impegnati in “Don Giovanni” di Molière (24 febbraio) e “I duellanti”di Joseph Conrad (30 marzo). Se il tema portante è la simpatia, il riferimento a Vincenzo Salemme appare quasi scontato. L’attore e regista campano firma “Sogni e bisogni”, liberamente ispirato al romanzo “Io e lui” di Alberto Moravia (3 marzo).

Piccola parentesi comica è quella dedicata a “Motel Forest” (26 gennaio) in cui il noto Michele Foresta darà il meglio del suo repertorio. Il cult teatrale e cinematografico degli anni Novanta “La scuola” viene ripreso dopo vent’anni dallo stesso protagonista: Silvio Orlando (15 marzo). Per l’occasione, il professor Vivaldi avrà al suo fianco Marina Massironi, resa celebre dalle pellicole di Aldo Giovanni e Giacomo.

Tra gli appuntamenti da non perdere c’è anche “La bisbetica domata” rivisitata in una versione a metà tra il grottesco e il noir dalla Factory Compagnia Transadriatica (13 gennaio).
Infine, non manca il focus sulla drammaturgia napoletana che può contare su “Miseria e nobiltà” (21 gennaio) e “Non ti pago” (11 febbraio), rispettivamente con la regia di Luigi e Luca De Filippo.