close

La community del teatro

12 gennaio 2016
la-community-del-Teatro-I-Love-Brindisi

Senza scomodare i mostri sacri del teatro e gli aforismi pronunciati relativamente a quale sia l’importanza della community del teatro, del pubblico insomma, sarà utile ricordare come in questi ultimi nove anni il quadro brindisino sia molto cambiato. Si è passati da un teatro più d’èlite, con titoli classici dedicati principalmente agli appassionati ad un teatro più vario per quanto concerne gli spettacoli, così come gli spettatori. Il nuovo corso è stato più volte rimarcato dagli stessi rappresentati della Fondazione Nuovo Teatro Verdi che cercano di non dimenticare nessuno e di accontentare le varie fasce di pubblico. Ovviamente, ciò non può prescindere dalla politica dei prezzi e dalle possibilità offerte a chiunque voglia avvicinarsi al Verdi, sia che si tratti di habitué o di perfetti estranei al contesto teatrale.

In aggiunta agli abbonamenti “Rainbow”, che comprendono l’offerta completa della stagione, quest’anno sono stati promossi due format più snelli, sempre in tema cromatico, pensati per due distinti percorsi di spettacoli: “Yellow” e “Green” propongono sette titoli che miscelano in equilibrio le scelte artistiche, la qualità delle produzioni e i gusti degli spettatori. Poi, ci sono i biglietti singoli che comprendono anche lo spettacolo fuori abbonamento “Motel Forest”, in programma il 26 gennaio 2016.
I prezzi? Sempre in linea con le precedenti stagioni, nel rispetto di un periodo storico difficile e delle possibilità dei più giovani.

Capitolo novità: in primis, c’è la scelta del posto con l’ausilio della riproduzione tridimensionale della sala che offre la prospettiva simulata dalla poltrona richiesta. Un modo in più per supportare la scelta dell’acquisto.
In secondo luogo, le associazioni del territorio potranno beneficiare di una speciale convenzione: oltre all’acquisto a tariffa ridotta di un pacchetto di minimo quindici biglietti per lo stesso spettacolo, è data la possibilità di acquistare un set minimo di quindici biglietti tra tutti i titoli che formano il cartellone della stagione 2015-16, beneficiando comunque della tariffa ridotta.

Ultima novità è l’eliminazione della doppia replica per gli spettacoli che andranno in scena una sola volta; una scelta che sicuramente non ha fatto felici gli abbonati, ma che è stata indispensabile per mantenere intatte qualità e varietà dei titoli.