close

Un salto sul treno di Santiago

5 luglio 2012

Secondo posto nella classifica degli album rap più venduti d’Italia e nono posto in quella generale di iTunes: questi i numeri che compaiono sul biglietto da visita di Santiago, ottenuti all’indomani dell’uscita dell’album “Ghiaccio e Magma”. “Ho la consapevolezza – ha affermato il rapper brindisino – che stia passando un treno importante, e farò tutto il possibile per non perderlo”.

Emergere partendo da una provincia periferica come la nostra non è certo semplice, ma Santiago, all’anagrafe Marco Muraglia, ci spiega la sua ricetta: “Da un po’ di anni provo a realizzare il mio sogno, cioè quello di poter, in qualche modo, trasformare la mia passione in un lavoro e vivere di questo, dimostrare che ce la si può fare anche se si proviene da un posto che sicuramente offre meno vantaggi rispetto ad altri: io penso che il sacrificio e la dedizione possano tranquillamente dar meno importanza a questo”.

Possiamo affermare che non tutti i mali vengono per nuocere? “Non sempre il meridione riceve quell’attenzione che merita, ma la città in cui vivo mi ha permesso di conservare quella genuinità e purezza che solo la gente che vive al sud può avere per cultura: questo si riflette molto nella mia musica e ne sono davvero fiero. Brindisi è solo una città, non fa miracoli, è la sua gente che potrebbe farli”.