close

André e Dorine: un racconto dolce

7 maggio 2015
Andrè-e-Dorine-I Love Brindisi

In un grande giardino pieno di alberi e fiori, un uomo anziano sta infornando il pane e un bambino stupito lo ascolta. Nel Teatro Comunale di Mesagne, domenica 10 maggio (alle ore 18) arriva l’ultimo appuntamento con la rassegna di teatro per la famiglia, Tutte le storie del mondo. In scena il nuovo spettacolo di Thalassia (di Francesco Niccolini; con Luigi D’Elia; regia Roberto Aldorasi e Francesco Niccolini; oggetti, scena e costumi Luigi D’Elia), André e Dorine: un racconto dolce e profondo che accoglie la sfida coraggiosa e trasgressiva di raccontare dell’amore ai bambini. (Info: 331.3477311)

Nel grande giardino fiorito, un vecchio sta infornando il pane. Si chiama André, è sporco di farina e sorride. Un bambino lo guarda, il suo nome è Nicolas. Sono vicini di casa. André è il migliore amico di Nicolas. Da grande vorrebbe essere esattamente come lui, vecchio e sorridente. André vive con Dorine. Si amano e vivono insieme da una vita. A casa di Nicolas sembra invece che la felicità sia volata via perché il suo papà ha perso il lavoro e la serenità. Il giardino di André è il rifugio di Nicolas, ci passerebbe un sacco di tempo perché il pane, burro e marmellata che prepara André è buonissimo, perché l’orto di André nasconde meraviglie, perché in quel giardino il silenzio è pieno di vento e porta i ricordi di una lunga storia d’amore, quella di André e Dorine.

Entrambi sono personaggi esistiti realmente. Si tratta di André Gorz, lei Dorine Kahn, sua moglie. Lui è stato uno dei massimi rappresentanti della cultura parigina: braccio destro di Jean-Paul Sartre, giornalista economico de “l’Express”, scrittore, massimo esponente del marxismo esistenzialista prima e poi del neonato movimento ecologista, uno dei padri di quello che poi si sarebbe chiamato movimento per la decrescita felice. Quando sua moglie Dorine si ammala di una grave malattia degenerativa, abbandona Parigi: i due passano gli ultimi decenni della loro vita in campagna, piantando alberi e curando il loro amore. Da questo giardino lui scrive e pubblica “Lettera a D.”, un piccolo libro che diventerà una delle più belle lettere d’amore di tutti i tempi.

Anche per l’ultimo appuntamento della rassegna viene offerta la merenda bio al termine dello spettacolo. Continuano i laboratori artistici e manuali ispirati alla storia appena narrata e la possibilità di festeggiare il proprio compleanno in teatro.

Biglietti: 5 euro – Apertura porte alle ore 17,30 – Apertura botteghino dalle ore 17,30
È possibile prenotare il proprio biglietto al numero: 331.3477311

Contatti:
Coop. Thalassia: 331.3477311 – residenza@cooperativathalassia.it – www.cooperativathalassia.it
Ufficio stampa: Maura Cesaria – comunicazione@cooperativathalassia.it – 349.2527083