close

Creature emotive

Creature emotive foto_I Love Brindisi
“Io sono una creatura emotiva, in comunicazione con tutto e tutti. Sono nata così. Amo non prendere le cose alla leggera. Tutto è così intenso per me. Il modo in cui cammino per la strada, il modo in cui accolgo una brutta notizia, il modo in cui non sopporto di perdere, il modo in cui rido”

Creature emotive foto2_I Love Brindisi

Qual è il linguaggio che le donne possono utilizzare quando vogliono mostrare la propria natura lanciando, allo stesso tempo, un messaggio di resilienza, rinascita e libertà da ogni forma di violenza di genere? Da diversi anni, a Brindisi, l’associazione Io Donna, insieme all’attrice e regista Sara Bevilacqua, si occupa di sviluppare un percorso dedicato alla ricerca dell’espressione artistica del femminile attraverso il teatro. Dai flash mob ai reading teatrali, passando per inusuali performance artistiche: le donne che partecipano ai laboratori promossi dall’associazione (l’unica a Brindisi a supporto del disagio di genere) raccontano come e cosa vivono le donne oggi. Donne lontane vittime di femminicidio oppure vicine, e ugualmente ferite, a un passo da noi.

Creature emotive è il titolo del percorso formativo studiato quest’anno da un gruppo di donne brindisine insieme a Sara Bevilacqua per poter meglio affrontare i conflitti e dare libero sfogo alla propria personalità. Ma le Creature emotive non sono delle “semplici” attrici bensì delle vere e proprie opere d’arte che, immerse nella natura del parco del Cillarese, ci incantano con le loro parole di amore, lotta, dolore, rivolta, orgoglio, crescita, sfida e rinascita.

Il pubblico non siede davanti ad un palco per assistere alla performance ma è libero e indipendente (come vorremmo fossero tutte le donne del mondo). Ognuno può personalizzare la propria partecipazione come se stesse visitando un museo a cielo aperto nel quale, dietro ad ogni cornice, viene custodita un’opera d’arte pensante. Un’opera d’arte donna che, di volta in volta, dà il via alla propria performance raccontando una storia. Prende vita così un percorso performativo inedito e coraggioso sia per l’inusuale spazio concesso al pubblico (munito di mappa per poter meglio personalizzare la propria visita) sia per il gruppo di donne brindisine che ancora una volta lascia il segno, si mette a nudo, si racconta.

“Abbiamo voluto raccontare le storie di donne libere, indipendenti, che dicono no! – spiega la regista Sara Bevilacqua – e, per la scelta dei testi, abbiamo preso spunto da autori profondi come Ensler che con il suo Io sono emozione, ci ha permesso di riflettere su parole come tabù o espressioni come non devi”. La donna-opera d’arte di Creature emotive, poi, mostra la sua essenza anche attraverso l’energia dei colori che la avvicinano ancora di più al mondo della natura: “Abbiamo scelto di indossare abiti colorati, con fantasie floreali, come le donne di Klimt o di Picasso, perché la rinascita avviene anche attraverso i colori e il richiamo alla luce”, continua la regista.

L’appuntamento con Creature emotive e le donne brindisine che diventano portavoce del messaggio “Stop al femminicidio” è per sabato 20 giugno 2015, dalle ore 18:30 alle 20, nel parco del Cillarese, a Brindisi (ingresso libero).

Creature emotive locandina_I Love Brindisi